12 Mar '16

Marina

Scrittrice, giornalista, sceneggiatrice e blogger. Pubblica romanzi e racconti sulle maggiori riviste femminili italiane. Molte sue opere sono in vendita su Kobo e Amazon. Gestisce blog e si occupa di pubbliche relazioni oltre che di Social Media e Marketing.

0 Shares

ADHD diagnosi sbagliate: troppe e troppo in fretta

ADHD diagnosi sbagliate

ADHD diagnosi sbagliate

A dare l’allarme uno studio americano pubblicato sul “Giornale dei Pediatri”. Diagnosi eseguire troppo precocemente e sbagliate, questa la conclusione degli autori dello studio.

Diagnosticare l’ADHD su bambini troppo piccoli porterebbe a confondere il tipico comportamento dei bambini, chiamato infantilismo, con i sintomi del disturbo.

Studiate 400.000 cartelle di studenti taiwanesi tra i quattro e i diciassette anni che hanno portato a concludere che il boom di diagnosi riguardava perlopiù gli studenti delle prime classi.

La maturità dei bambini varia moltissimo anche solo con sei mesi di differenza di età. Per cui ad un bimbo che è andato a scuola a cinque anni e mezzo potrebbe essere diagnostica l’ADHD, definita come deficit dell’attenzione e iperattività.

La diagnosi però potrebbe essere sbagliata e il bimbo solamente immaturo rispetto ai compagni più grandi.

Difatti pare proprio che siano i bambini che iniziano la scuola precocemente ad essere i più soggetti ad essere definiti affetti da ADHD. 

L’incapacità di sostenere livelli di attenzione e attività di controllo che vengono citati come effetti dell’ADHD sarebbero solamente manifestazione dell’età, ossia una più bassa maturità.

ADHD diagnosi sbagliate

Nella ricerca effettuata su un campione così vasto di bambini è stata poi introdotta una proiezione mondiale nella quale si ipotizza che il problema della diagnosi precoce possa essere errato per moltissimi casi.

In tutto il mondo il numero di bambini e adolescenti ai quali è stata diagnosticata l’ADHD è salito vertiginosamente, così come le prescrizioni mediche per la cura, cosa che all’interno della ricerca è stata sottolineata. 

La rivista su cui è apparsa la ricerca è molto autorevole. Se volete leggere il resoconto, in inglese, trovate qui la fonte.

Anche in Italia sempre a sempre più bambini viene diagnosticata l’ADHD come malattia,ma l’argomento è davvero molto controverso.

Se da queste ricerche, effettuate da ricercatori esperti e pubblicate su riviste autorevoli, escono risultati quali “diagnosi sbagliate” prima di accettare che al proprio figlio venga diagnosticata inequivocabilmente l’ADHD sarebbe il caso di prendere maggiori informazioni da fonti differenti.

Che l’ADHD sia, come sostengono anche questi ricercatori, solo un’immaturità correlata all’età?

A questo link una diversa prospettiva della malattia, un’ottica di genitori preoccupati.

Tu cosa ne pensi?

Contribuisci all’articolo scrivendo un commento.

Ti è stato utile questo articolo su ADHD diagnosi sbagliate: troppe e troppo in fretta?

Condividilo su Facebook, Twitter, Pinterest, Google+Tumblr, diventa fan sulle pagine.

 

About Marina

Scrittrice, giornalista, sceneggiatrice e blogger. Pubblica romanzi e racconti sulle maggiori riviste femminili italiane. Molte sue opere sono in vendita su Kobo e Amazon. Gestisce blog e si occupa di pubbliche relazioni oltre che di Social Media e Marketing.

Related Posts

Lascia un commento