Come dormire con il mal di denti

Come dormire con il mal di denti

Come si fa a dormire con il mal di denti? È possibile oppure dobbiamo rassegnarci ad una notte dolorosamente insonne? Ecco alcuni suggerimenti utili per migliorare la situazione.

Ho avuto mal di denti per fortuna solamente una volta, ma so che può essere terribile, quindi vediamo cosa si può fare per riuscire a dormire comunque nonostante il mal di denti.

Non c’è bisogno di parlare troppo dei sintomi, che sono davvero molto chiari. Diciamo però che il mal di denti può essere localizzato oppure generalizzato, accompagnato anche da febbre e ingrossamento dei linfonodi del collo. Può sfociare anche in un ascesso.

Il motivo più comune del mal di denti negli adulti è la presenza di una carie, un’infezione batterica che ha rovinato lo smalto ed è andata in profondità intaccando il dente e giungendo alla polpa dentale e al nervo.

Il secondo motivo possono essere le infiammazioni gengivali, difficili da risolvere.

L’ascesso, che è un’infezione sviluppatasi tra dente e gengiva, con formazione di pus, è un altro motivo di dolore.

Nella lista delle cause di mal di denti ci sono anche il bruxismo (il problema di chi digrigna i denti dormendo) e la presenza di eccessivo tartaro e placca sui denti.

Cosa fare se hai mal di denti

La prima cosa da fare è, naturalmente, prendere un appuntamento con il proprio dentista per capire quale sia la causa del dolore e poi porvi rimedio.

A volte il dolore lieve viene sottovalutato e così ci si trascinare per giorni, a volte settimane, fino a che diventa intenso e insopportabile. Di solito il dolore ai denti si intensifica la sera.

E poi, magari avete preso appuntamento dal dentista, ma ve l’ha dato tra un paio di giorni.

Di solito le persone, per non sentire dolore ricorrono ai farmaci (antidolorifici e antinfiammatori), ma cosa fare se non ne hai a portata di mano e il dolore ti impedisce di dormire?

Come dormire con il mal di denti

Come dormire con il mal di denti

Per prima cosa utilizza due cuscini, così da tenere la testa in una posizione rialzata. Dormi supino, con le braccia posizionate ai lati del corpo. Questo impedisce accumuli di sangue nella zona dolorante, con conseguente aumento della pressione e del dolore, che è proprio il perché il mal di denti aumenta di notte.

In alternativa puoi dormire di lato, appoggiando al cuscino la parte del volte dove non senti dolore. evita di dormire a pancia in giù perché in questa posizione aumenta la pressione muscolare in bocca.

Se non riesci ancora a dormire trita del ghiaccio e mettilo in un sacchettino di plastica, di quelli che si usano nel congelatore, e sistemalo sulla guancia dolorante.

sale grosso Vermi nella spazzatura, come liberarsene

In alternativa puoi fare dei risciacqui con acqua tiepida e sale.

Non continuare a toccare il dente e la zona con la lingua e con le dita. Serve solo ad aumentare l’infiammazione.

Come calmare il mal di denti forte

A parte gli impacchi con il ghiaccio possono essere utilizzate delle tisane a base di camomilla, menta piperita o salvia, con cui fare risciacqui.

Se il mal di denti è dovuto ad un ascesso devi prendere un antibiotico e solo quando la situazione sarà migliorata il dentista potrà intervenire.

Quanto può durare un mal di denti

Dipende dalla causa. Se sei fortunata un giorno o due, oppure non smettere e obbligarti ad andare dal dentista. In ogni caso, anche se dura solo un paio di giorni, è comunque un sintomo di qualcosa che non va.

un controllo dentistico dovrebbe essere fatto almeno ogni sei mesi. Se hai mal di denti prendi subito un appuntamento dal dentista in modo che possa capire quale sia la causa scatenante.

Quando inizia il mal di denti

Non quando la carie ha intaccato lo smalto, bensì quando ha raggiunto la polpa dentale oppure c’è un’infiammazione all’interno del dente.

Comunque sia, quando il mal di denti ha inizio è segno che c’è un problema ormai piuttosto grave da risolvere. Il dolore deve essere visto come un segnale di allerta da prendere sul serio.

Quanto ci mette una carie a peggiorare?

In genere dai sei mesi a due anni, ma non è per tutti uguale. In molte persone è un processo più rapido. Quando provi dolore forte significa che la polpa dentale è stata intaccata. Spesso i queste condizioni non c’è altra soluzione che la devitalizzazione del dente.

Nevralgia o mal di denti?

Sono due cose differenti. Con la nevralgia dentale hai prurito, senti bruciore, la zona è ipersensibile al tatto e presenta un certo gonfiore, soprattutto nella zona delle guance.

Analgesico naturale

Parliamo dell’aglio che è un anestetico naturale. Prendi due spicchi d’aglio, riducili a poltiglia poi aggiungici del pepe e applica l’impasto nella zona dolorante. L’impacco anestetizzerà la zona.

Un altro sistema naturale è sciogliere un cucchiaio di magnesio supremo, che rafforza denti e gengive oltre a calmare il dolore, in un bicchiere di acqua bollente che poi berrete una volta diventata tiepida.

Tutto chiaro? Spero che non abbiate mal di denti o che sia leggero e riusciate comunque a dormire.

Leggi anche Cosa fare dopo un intervento chirurgico ai denti.

blog mondodonne

#ads

[Total: 11 Average: 5]

Marina Galatioto

Scrittrice, blogger, content creator e social media manager. Pubblica romanzi e racconti sulle maggiori riviste femminili italiane. Molte sue opere sono in vendita su Kobo e Amazon. Ama scrivere, leggere, occuparsi di riciclo e fai da te. La trovi anche su TikTok @marinagalatiotoautrice

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: