27 Ago '16

Marina

Scrittrice, giornalista, sceneggiatrice e blogger. Pubblica romanzi e racconti sulle maggiori riviste femminili italiane. Molte sue opere sono in vendita su Kobo e Amazon. Gestisce blog e si occupa di pubbliche relazioni oltre che di Social Media e Marketing.

0 Shares

Negozi che chiudono causa crisi, dieci consigli utili

Negozi che chiudono causa crisi

In Italia i Negozi che chiudono causa crisi sono 30 al giorno, 2.700 al mese. Solo dall’inizio di questo anno ben 25.000 attività commerciali hanno chiuso i battenti.

Colpa dei centri commerciali? Di quelle realtà spesso cinesi dove trovi tutto a pochi euro? I negozi che chiudono sono sempre di più, ma vediamo questo cosa comporta.

Se da un lato si potrebbero apprezzare i centri commerciali e le realtà dove compri tutto a un euro, che da un lato vanno incontro alle esigenze di famiglie italiane sempre più povere, dall’altro ci troviamo a fare i conti con chi, proprietario di un’attività, chiude causa crisi, con spesso sulle spalla grossi debiti.

Povertà di famiglie e gente senza lavoro, ecco la realtà dell’Italia dei giorni nostri.

In questo panorama le difficoltà sono sempre maggiori e spesso al danno si aggiunge la beffa. Chi chiude si ritrova a fare i conti in passivo.

Ecco dieci consigli per chiudere con il minor danno possibile.

Negozi che chiudono causa crisi, cosa fare

Spesso un negozio rappresenta i sacrifici di una vita, a volte viene passato dai genitori ai figli, altre viene aperto proprio come speranza per il futuro, ma oggi le difficoltà e le spese sono davvero ingestibili.

Punto 1

Lascia da parte i sentimentalismi e affronta la realtà della situazione: se sei in perdita inutile andare avanti. Peggioreresti la situazione.

Punto 2

Controlla i conti e fai un bilancio di quanto sei in perdita e di come potresti fare per risolvere la situazione. A volte è possibile, in altri casi no. Se fallisci e hai una società di un certo tipo, come ad esempio una sas, fallirai anche come persona fisica e questo ti impedirà, per cinque anni, di avere un conto corrente e del credito o un mutuo. Inoltre i creditori potranno portarti via ciò che è di tua proprietà per saldare i tuoi debiti

Punto 3

Se la situazione è grave trova un bravo legale (non è così semplice!) che possa seguirti e aiutarti nelle questioni legali.

Punto 4

Per racimolare più soldi possibili fai un inventario di tutta la merce che hai e vendila. La prima cosa che devi fare è una SVENDITA TOTALE. Se ti rivolgi ad una di quelle agenzie che le organizzano però dovrai pagarle e sono molto costose. Parte del ricavato della svendita dovresti usarlo per pagare loro.

Ci sono modi meno onerosi per organizzarla. Puoi farlo da sola, non è così difficile, ma devi procurarti le informazioni necessarie. A questo link puoi trovare informazioni più dettagliate e anche un’agenzia che può organizzarti campagne promozionali a costi contenuti.

Punto 5

Svendi il più possibile in modo da rientrare almeno in parte di un po’ di soldi e mettili su un conto a parte, ti serviranno per concordare con i fornitori. Un avvocato saprà darti maggiori e più dettagliate informazioni, ma si chiama Concordato preventivo. In sostanza ti metti d’accordo con i tuoi creditori per un saldo e stralcio. Significa che concordi con loro quanto puoi dare per chiudere i debiti e le pendenze. In questo modo non fallisci.

Punto 6

Quando avrai finito la svendita avrai da parte un gruzzoletto. Usalo per sistemare i conti il più possibile, con l’aiuto dell’avvocato vedrai come.

Punto 7

Con le svendite puoi liberarti della maggior parte della merce, ma non di tutta. Ci saranno sempre rimanenze. A questo punto cosa farne? rivolgiti ad uno stockista. Qui si apre un mondo. Ci sono quelli che lo fanno di mestiere e quelli che si improvvisano.

Di solito sono alcuni ambulanti (le persone che fanno i mercati) a improvvisarsi stockisti, ma sono abituati a pagare poco. Anche loro soffrono della crisi e spesso non hanno a disposizione grosse cifre, ma del resto mal comune non fa mezzo gaudio!

Rivolgiti a strutture e aziende che offrono il giusto, in relazione ai parametri che vengono utilizzati nel settore.

Si parla di una percentuale sul costo che varia se la merce è Pronto Moda oppure firmata, dell’anno in corso oppure di stagioni passate.

A questo link trovi un’azienda che acquista a stock da negozi e attività commerciali.

Perchè scegliere un’azienda? Per solidità. A volte chi si improvvisa stockista ha pochi soldi in tasca e fa offerte basse non perchè la merce vale poco, ma perchè non ha soldi. Un’azienda dovrebbe essere solvente.

Punto 8

Una volta scelto a chi vendere le tue rimanenze:

  • accertati che portino via tutto, non soltanto i pezzi migliori. A volte arriva qualcuno, ti paga di più i pezzi più di valore (in genere i capospalla) e ti lascia il resto, magari magliette, che poi da sole non valgono più nulla.
    meglio dare via tutto insieme alla stessa cifra che ritrovarsi con ulteriori rimanenze.
  • Chi compra deve pagarti in contanti (fino alla cifra di 3.000 euro stabilita dalla legge) oppure con carta di credito o bonifico bancario PRIMA del ritiro della merce. NON DARE NIENTE a nessuno se prima non ti hanno pagato. Potresti ritrovarti con un assegno buco e senza merce. Una beffa che non saresti la prima a subire.

Punto 9

Se qualcuno viene e ti fa un’offerta e verrà poi a ritirare fatti lasciare un acconto che “fermi” la merce e valga come promessa di ritiro. A volte poi non ripassano e tu ti ritrovi a fare i conti con una promessa che si risolve in nulla di fatto  e che ti fa solo aspettare magari per settimane.

Se è interessato alla merce ti lascia un acconto. Scrivete una carta. Se poi non viene a ritirare entro una data che stabilite non devi ridargli i soldi.

Punto 10

Lo inserisco per ultimo, perchè è più che altro un suggerimento per quando mostri la merce ad eventuali acquirenti: NON LA INSCATOLARE. Se lo fai chi la acquista avrà meno possibilità di visionarla bene e con calma e ti farà un’offerta inferiore. Del resto chi comprerebbe a scatola chiusa rischiando di acquistare merce brutta, rovinata o difettosa?

Spero che questi pochi consigli sull’argomento negozi che chiudono causa crisi ti possano essere d’aiuto. In bocca al lupo per tutto e spero tu possa chiudere per poi trovare nuove opportunità di lavoro.

Ti è stato utile questo articolo sui Negozi che chiudono causa crisi? Lascia un commento, ne saremo felici.

Condividilo su Facebook, Twitter, Pinterest, Google+Tumblr, diventa fan sulle pagine.

photo credits | deccanchronicle

About Marina

Scrittrice, giornalista, sceneggiatrice e blogger. Pubblica romanzi e racconti sulle maggiori riviste femminili italiane. Molte sue opere sono in vendita su Kobo e Amazon. Gestisce blog e si occupa di pubbliche relazioni oltre che di Social Media e Marketing.

Related Posts

Lascia un commento