Perché si litiga

perché si litiga

Perché si litiga? Sono certa che almeno una volta nella vita ve lo siete chieste. Esploriamo l’argomento nell’articolo.

Litigare è una di quelle cose che personalmente odio e quando posso evito. Non sempre però è possibile, a meno che non si accetti tutto senza mai dire nulla.

Il che non è proprio il massimo della vita. E secondo me è anche un modo per “farsi andar bene tutto” e accontentarsi.

C’è qualcosa di positivo nella tolleranza, ma a tutto c’è un limite. Personalmente non ritengo che litigare sia davvero utile. preferisco di gran lunga il termine “discutere”.

Fare discussione forse è meno brutto di litigare, anche se è sempre meglio cercare di dialogare e comunicare piuttosto che darsi contro.

Perché si litiga

Il litigio nasce sostanzialmente da incomprensioni e disaccordi, che non sono la stessa cosa.

Le incomprensioni

Ci si parla e non ci si capisce. Niente di più facile. A volte accade perché ci si spiega male, altre perché la persona a cui stiamo parlando non ci capisce. Può darsi che le stiamo parlando in un momento in cui è distratta e quindi non fa caso alle nostre parole.

Nel rispondere ci infastidisce e quindi si inizia a discutere. Spesso si parla senza prestare attenzione all’altro. Si iniziano discorsi nel momento sbagliato. Vi è mai capitato?

Se una persona è arrabbiata di suo, ha un problema, o la testa altrove è molto probabile che non vi presterà troppa attenzione. Anzi, si potrebbe dire il contrario: ve ne presterà pochissima, e magari risponderà anche male, offendendovi, ferendovi, o turbandovi.

Per evitare spiacevoli malintesi, litigi e discussioni sarebbe davvero utile non iniziare a parlare di cose, soprattutto importanti, nel momento sbagliato.

Si può imparare in che modo dai bambini. Hai presente? Non andrebbero mai a dire ai genitori che hanno preso un brutto voto quando stanno litigando o sono immusoniti. Di solito scelgono il momento migliore, ossia quando mamma e papà sono di umore più allegro.

Sanno che in quei frangenti la filippica, o paternale o sgridata che la vogliate chiamare, sarà meno lunga, tediosa o intensa.

perché si litiga

I disaccordi

Qui c’è un po’ di complicazione in più ed è meno semplice sistemare le cose. L’unica cosa da fare che risolve la questione è trovare un compromesso che vada bene ad entrambi.

Non parlo solamente di disaccordi nella coppia, ma in generale.

Un esempio? Un figlio che vuole rimanere fuori fino alle quattro del mattino e una mamma che non è per niente d’accordo.

Un marito che vuole fare il mutuo per comprare la casa e la moglie che non vuole.

Una ragazza che vuole un figlio, ma che sta con un ragazzo che non ne vuole.

Due genitori che litigano perché hanno un’idea differente su come debba essere educato un figlio…

Possono esserci disaccordi su grandi cose oppure su piccole. Difatti si litiga su temi importanti, ma anche per sciocchezze (ne parlerò in un altro post).

Litigare è normale

Ok, anche se lo sostengono, litigare NON è normale. Succede, perché è vero, però non è normale. A nessuno piace litigare. Ognuna di noi vorrebbe poter sistemare le cose senza dover litigare.

Semplicemente dialogando e spiegando le proprie ragioni.

Alcuni sostengono che litigare non serve a sfogare la rabbia, quanto a spiegarsi per farsi capire e allo stesso tempo capire l’altro.

Purtroppo durante i litigi le persone NON LO FANNO. Non si spiegano per farsi capire. Piuttosto alzano la voce, gridano, e cercano di avere ragione.

Che non proprio è spiegarsi e capire.

Litigare ha da sempre un connotato negativo, è sufficiente leggere la definizione in un qualsiasi dizionario di italiano.

Le persone, per spiegarsi e per capire gli altri, devono DIA.LO.GA.RE. Devono parlare, comunicare.

perché si litiga

Che è ben differente.

Quindi perché si litiga?

Perché non si è riusciti a spiegarsi e a farsi capire. Perché l’altra persona non è riuscita a spiegarsi e a farsi capire. In pratica tutte le persone coinvolte sono nella stessa barca.

Più si litiga e non si riesce a trovare un accordo, non si riescono ad appianare le divergenze, più si sente meno amore, simpatia e affetto verso l’altra persona.

E così, anche se molti dicono di no, si finisce per allontanarsi. Accade in qualsiasi rapporto, che sia di coppia o di amicizia. Se ci pensate bene, vi tornerà sicuramente alla memoria una situazione simile.

Le persone sono differenti

Grandissima verità. Non siamo tutti uguali e va già bene se in qualche ambito ci assomigliamo. Non troveremo mai un partner che sia esattamente come noi. O come noi vorremmo che fosse.

Quindi… o si accettano le persone per come sono, oppure si cerca di far capire loro come i comportamenti che hanno ci possano ferire, oppure… si cambia aria.

È inevitabile. E non si tratta di cattiveria o altro. Semplicemente quella persona non fa per noi.

A vent’anni avevo un ragazzo. Ci credereste se vi dicessi che riusciva ad arrivare tardi ai nostri appuntamenti anche di due ore? E diceva sempre che non faceva di proposito. Succedeva che gli capitassero imprevisti.

All’epoca non esistevano ancora i cellulari. Io e la compagnia finivano per aspettarlo più di un’ora al freddo e al gelo degli inverni milanesi, in piedi nel parcheggio della stazione Garibaldi.

Quante litigate!

Ci eravamo messi insieme perché era la cosa che più desideravo al mondo, ma con l’andare del tempo, le liti e le incomprensioni, il legame si è praticamente disciolto come neve al sole.

L’ho lasciato e mi sono sentita meglio. Non eravamo fatti l’uno per l’altra. Tiravamo fuori l’una il peggio dell’altro, e viceversa.

Quindi no, litigare non è normale, ma accade normalmente. Che è ben diverso.

Quando si litiga i cuori si allontanano?

Assolutamente sì e se non si sistemano le cose alla fine sarà un allontanamento definitivo (di spazio oppure di sentimenti).

Fare pace, trovare un accordo, sono la soluzione ai litigi, non gridare più forte dell’altro per farsi ascoltare.

perché si litiga

Qualcuno, persino degli studi, sostengono che le coppie che litigano più spesso sono le più felici. Per mia esperienza personale direi proprio di no.

Ma guardati attorno e osserva le coppie. Non guardare la versione di loro che offrono agli altri (spesso si recita o si finge), ma la realtà delle cose.

In conclusione

Litigare, per come viene definito nel dizionario Oxford Languages:

“Venire a diverbio con qualcuno, spesso ricorrendo a espressioni ingiuriose e a offese”

non serve né a chiarire fatti e situazioni, e nemmeno a ristabilire la pace e l’armonia.

È il dialogo che aiuta le persone a ristabilire l’affetto, l’amore, la simpatia, un certo grado di empatia.

Sempre dall’Oxford Languages, dialogare significa “confrontare le proprie opinioni in vista di un’intesa”.

Non è forse meglio?

Nei prossimi post parleremo del perché i litigi d’amore sono così frequenti, di cosa fare per ristabilire l’armonia, di come evitare un litigio dicendo comunque le proprie ragioni.

Sono argomenti che vi interessano Scrivetemelo nei commenti.

Letture Consigliate

Cosa fare quando vieni presa in giro

Comunicazione efficace

blog mondodonne

#ads #collaborazione

 

 

[Total: 3 Average: 5]

Marina Galatioto

Scrittrice, blogger, content creator e social media manager. Pubblica romanzi e racconti sulle maggiori riviste femminili italiane. Molte sue opere sono in vendita su Kobo e Amazon. Ama scrivere, leggere, occuparsi di riciclo e fai da te. La trovi anche su TikTok @marinagalatiotoautrice

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: