Pipì di gatto come togliere l’odore definitivamente

pipì di gatto mondodonne

Se hai un gatto maschio sai cosa voglia dire. Come togliere l’odore di pipì di gatto dal materasso o da qualsiasi altra cosa? Te lo spiego.

Se hai anche solo un minimo di dimestichezza con i gatti sai che la pipì della femmina non puzza, mentre quella del maschio ha un odore terrificante.

Ma non sempre, lo sapevi?

L’ho scoperto quando abbiamo deciso di adottare un gatto e siamo andati, io e mio figlio, ad un gattile. Per lui era importante prendere un gattino che venisse da lì.

All’inizio volevo una femmina, ma l’idea di doverla sterilizzare, e quindi di sottoporla a un’operazione invasiva non mi piaceva per niente.

Quando mi hanno proposto un maschio ho detto di no. Considerate che quando ero ragazzina avevamo un persiano, bellissimo, che però aveva fatto pipì sul sedile dell’auto e non vi dico che odore ogni volta che salivamo.

All’epoca l’internet non esisteva e mio padre era convinto che si dovesse pulire con l’ammoniaca e roba simile.

Pipì di gatto come togliere l’odore definitivamente

Per carità non utilizzate ammoniaca o detersivi e soluzioni simili. La pipì di gatto ha un odore simile a quello dell’ammoniaca e invoglia il felino ad andare di nuovo a fare i suoi bisogni nel medesimo posto. Acuisce l’odore non lo toglie.

La cosa da fare è prima di tutto asciugare con carta di giornale oppure da cucina (anche la carta igienica va bene) e buttare tutto nel gabinetto, ovviamente non appallottolato, oppure nella spazzatura.

Dopodiché pulire il materasso, il pavimento o qualunque cosa su cui il gatto ha fatto pipì con un detergente enzimatico. Perché agli enzimi? Perché sono proprio questi che scompongono le particelle dell’urina del gatto in anidride carbonica e ammoniaca, che è un gas volatile.

Lascia agire il prodotto circa quindici minuti o fino a quando la macchia si sarà asciugata.

Se questo sistema non dovesse funzionare devi agire più in profondità. Prepara una soluzione con metà acqua e metà aceto e strofina facendo in modo che la soluzione penetri in profondità. Se vuoi aumentare il potere pulente e deodorante puoi aggiungere del bicarbonato di sodio.

Una volta fatto tampona con stracci o carta da cucina e lascia asciugare all’aria.

Il bicarbonato di sodio agisce anche come disinfettante.

Qui sotto ti mostro alcuni dei migliori e più convenienti detergenti enzimatici.

Curiosità sulla pipì di gatto

Sapevi che non sempre la pipì di gatto è così puzzolente? Mi hanno spiegato che l’odore diventa forte attorno ai sei/sette mesi quando il gattino inizia ad andare in calore.

Con l’odore intenso della pipì marca il suo territorio. Se lo sterilizzi quando ha circa sette o otto mesi la sua pipì non puzzerà per il resto della sua vita.

Sterilizzare un gatto maschio è un’operazione molto leggera. Gli viene fatto un piccolissimo taglietto che non richiede nemmeno dei punti. Molto poco invasivo rispetto a quello riservato alle gatte.

Leggi anche: notizie su questi amatissimi animali domestici.

blog mondodonne

[Total: 1 Average: 5]

Marina Galatioto

Scrittrice, blogger, content creator e social media manager. Pubblica romanzi e racconti sulle maggiori riviste femminili italiane. Molte sue opere sono in vendita su Kobo e Amazon. Ama scrivere, leggere, occuparsi di riciclo e fai da te. La trovi anche su TikTok @marinagalatiotoautrice

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: