13 Gen '15

Marina

Scrittrice, giornalista, sceneggiatrice e blogger. Pubblica romanzi e racconti sulle maggiori riviste femminili italiane. Molte sue opere sono in vendita su Kobo e Amazon. Gestisce blog e si occupa di pubbliche relazioni oltre che di Social Media e Marketing.

1 Shares

Quali lingue straniere studiare

Quali lingue imparare, cosa studiare

Quali lingue imparare, cosa studiare

Una volta quando si andava a scuola, le lingue si iniziava a impararle alle scuole medie e la scelta era tra il francese e l’inglese, che venivano ritenute le più parlate.

Ora invece qualcosa è cambiato. A scuola propongono inglese e spagnolo e se ci vengono dubbi? Se ci chiedessimo quali lingue sono più parlate al mondo? Su quali dovremmo puntare se volessimo in un futuro fare i traduttori? Oppure girare il mondo? O anche fare business internazionale?

Quali sono le lingue più parlate al mondo

Il nostro italiano è al decimo posto nella classifica. 

Al primo posto, come lingua più parlata e scritta al mondo rimane l’inglese (considerando anche l’inglese/americano). Viene utilizzata negli affari, insegnata nelle scuole, è la lingua più usata anche nel web.

Al secondo posto, forse non lo immaginereste, c’è lo spagnolo. Perchè? Gi spagnoli furono uno dei più grandi popoli colonizzatori. In Messico per esempio si parla spagnolo e, come seconda lingua, persino a New York, viene utilizzato lo spagnolo.

All’eroporto JFK (sempre a NY) i cartelli sono tutti bilingue: inglese e spagnolo.

Al terzo posto, più che altro perchè è la lingua di un popolo grandissimo, c’è il cinese mandarino. L’avreste mai detto? Ma se considerate che sono in tantissimi!

Il francese è al quarto posto, seguito dall’arabo e a seguire le altre lingue come il russo, il tedesco, il portoghese e giapponese.

Quindi se state pensando di studiare le lingue “straniere”, oltre all’inglese potreste prendere in considerazione lo spagnolo, se non il cinese o il russo.

Di certo ci saranno molte meno persone che studiano cinese e spagnolo di quante non studino inglese e francese. Inoltre, con l’apertura a mercati esteri nuovi, le possibilità potrebbero essere maggiori.

Anche l’arabo potrebbe essere una buona idea. Il commercio con zone e paesi come gli Emirati Arabi oppure il Dubai è in crescita.

 

photo credits | gradireland

About Marina

Scrittrice, giornalista, sceneggiatrice e blogger. Pubblica romanzi e racconti sulle maggiori riviste femminili italiane. Molte sue opere sono in vendita su Kobo e Amazon. Gestisce blog e si occupa di pubbliche relazioni oltre che di Social Media e Marketing.

Related Posts

Lascia un commento