10 Set '16

Marina

Scrittrice, giornalista, sceneggiatrice e blogger. Pubblica romanzi e racconti sulle maggiori riviste femminili italiane. Molte sue opere sono in vendita su Kobo e Amazon. Gestisce blog e si occupa di pubbliche relazioni oltre che di Social Media e Marketing.

0 Shares

Svezzamento, come introdurre gli alimenti

svezzamento

Pronta per lo svezzamento? Se il tuo bambino ha compiuto sei mesi puoi iniziare. Ecco come introdurre gradualmente gli alimenti nella dieta del tuo bebè.

Come abbiamo detto lo svezzamento avviene verso i sei mesi di età. Può essere anticipato dal pediatra, ma di sicuro non avviene prima dei quattro mesi.

Una volta che avrai il benestare del medico potrai introdurre gli alimenti. In genere poi è proprio lui (o lei) a dirti da quali iniziare. In ogni caso il Ministero della Salute, nella sua linea guida per la corretta alimentazione ed educazione nutrizionale afferma che non ci sono menù e modalità prefissate.

Svezzamento

Particolare attenzione va posta ai cibi che vengono proposti. Se il bambino li apprezza li mangerà volentieri. Se devi sforzarlo significa che non apprezza il gusto, oppure la consistenza per cui inutile sforzarli, come sostiene anche la guida allo svezzamento del Ministero.

Per esempio il mio secondo figlio, ogni volta che mettevo del formaggio nelle minestre non le mangiava mai. Odiava questo alimento e non lo mangia nemmeno ora che ha quattordici anni. L’unico che apprezza è la mozzarella.

Se ti accorgi che non ama un certo gusto cerca un’alternativa che possa fornirgli quelle stesse proteine o nutrimenti. Anche noi adulti del resto non mangiamo tutto, ma solo ciò che va incontro ai nostri gusti. Essendo adulti non abbiamo nessuno che ci obbliga.

Essere bambini non dovrebbe essere diverso. Se a te qualcosa non piace, anche se fa bene, non la mangi per forza.

Durante lo svezzamento ai bambini va spesso proposto di bere evitando però bevande zuccherate, che non fanno bene a nessuno. Non dovrebbero però bere latte vaccino fino a un anno.

Inoltre entro l’anno al massimo, il bambino dovrebbe aver provato una vasta gamma di cibi e sapori, A circa un anno farà due pasti principali (il pranzo e la cena) e due spuntini (a metà mattina è a metà pomeriggio).

Per quanto riguarda la possibilità di allergie, le linee guida fanno notare che recenti studi hanno messo in evidenza che non introdurre alimenti allergizzanti non previene lo sviluppo di allergie o celiachia in soggetti predisposti.

Al compimento dell’anno il bambino è pronto a mangiare ciò che viene consumato in famiglia, l’importante è che non sia salato o zuccherato.

Ti è stato utile questo articolo su come introdurre gli alimenti? Lascia un commento, ne saremo felici.

Condividilo su Facebook, Twitter, Pinterest, Google+Tumblr, diventa fan sulle pagine.

 

photo credits | essentialparent

About Marina

Scrittrice, giornalista, sceneggiatrice e blogger. Pubblica romanzi e racconti sulle maggiori riviste femminili italiane. Molte sue opere sono in vendita su Kobo e Amazon. Gestisce blog e si occupa di pubbliche relazioni oltre che di Social Media e Marketing.

Related Posts

Lascia un commento