Condizionatore, come sceglierlo

Condizionatore, come sceglierlo

È decisamente tempo di condizionatore. Come sceglierlo? Facciamo il punto della situazione fra tutti i tipi e modelli esistenti.

Un condizionatore non serve solo a rinfrescare l’aria, ma anche a deumidificarla e purificarla. I climatizzatori, o condizionatori, si suddividono i due tipologie di base: mobili e fissi.

Poi, quelli mobili posso essere o monoblocco (un unico elemento che contiene frigorifero, ventole e anche compressore, dotato di un tubo snodato che convoglia aria all’esterno) o split (sono due elementi collegati fra loro, uno è all’interno dell’appartamento, l’altro più piccolo all’esterno.

I più utilizzati sono i condizionatori fissi che vengono installati a parete e sono oltre che efficienti, anche silenziosi. Grazie agli isolamenti termici di cui sono dotati hanno potenze e rese superiori agli altri.

Se acquisti un modello a pompa di calore potrai utilizzarlo in estate per produrre aria fresca e in inverno per scaldare la casa.

Come e dove acquistare

Non si tratta solo di acquistare, ma anche di trovare la persona giusta che lo possa installare.

Condizionatore, come sceglierlo

Partiamo dall’acquisto

Devi comprare un modello che abbia la potenza adatta a raffreddare la cubatura del locale in cui funzionerà. Inoltre assicurati che abbia la marcatura CE e l’etichetta energetica (sono entrambe obbligatorie per legge). Non sottovalutare nemmeno la classe energetica (più è migliore più ti farà risparmiare).

Gli apparecchi più moderni sono in classe “A” a cui segue il segno “+”.

Come collocarlo

Spesso nelle case moderne e di nuova costruzione ci sono già le predisposizioni per i condizionatori (sia unità interne che esterne) ed è dove devi posizionarle per avere la miglior resa. Inoltre gli impianti e le tubature sono già predisposte nei muri.

Se così non fosse ricorda che devi disporre le unità il più vicino possibile per aumentare l’efficienza e diminuire le dispersioni o l’impiego di refrigerante.

.

Sempre meglio disporlo in alto sulle pareti e poi orientarne le alette.

Come utilizzarlo

Condizionatore, come sceglierlo

Il consiglio degli esperti è di non andare oltre i 6/7 °C al di sotto della temperatura esterna. Significa che se fuori ci sono 32°C all’interno devi settare il condizionatore sulla temperatura di 25°C.

Se vuoi risparmiare, invece di rinfrescare scegli la modalità deumidificazione che comunque migliora la qualità dell’aria e ne abbassa il calore, ma con minor consumo di energia elettrica.

Per concludere

La pulizia è davvero importante. Stacca la spina per pulire il tuo condizionatore (come dovresti fare per qualsiasi apparecchiatura o elettrodomestico) e attieniti alle indicazioni del produttore. Sul manuale d’uso e manutenzione DEVE esserci scritto tutto.

Un suggerimento in più: non acquistare prodotti che non hanno il manuale in italiano. Come prima cosa per legge non potrebbero essere venduti sul mercato italiano e in secondo luogo renderanno più difficile l’utilizzo e la manutenzione, dato che saprai bene come fare.

Pulisci i filtri (ricorda che respiri l’aria che ci passa attraverso e se sono pieni di polvere non è certo salutare, controlla sempre il gas refrigerante e segui le indicazioni del produttore.

La scelta

Come ho detto dipende prima di tutto dalle dimensioni dell’ambiente che devi condizionare, ma anche dal tuo budget e dal tipo di apparecchiatura che vuoi. Ci sono moltissimi modelli e marche. Di seguito ne trovi alcuni fissi e portatili.

Leggi anche Purificatore d’aria.

Mondodonne

#ads

[Total: 1 Average: 5]

Marina Galatioto

Scrittrice, blogger, content creator e social media manager. Pubblica romanzi e racconti sulle maggiori riviste femminili italiane. Molte sue opere sono in vendita su Kobo e Amazon. Ama scrivere, leggere, occuparsi di riciclo e fai da te. La trovi anche su TikTok @marinagalatioto

Lascia un commento