Cos’è un outlet e come funziona

Cos'è un outlet e come funziona

Cos’è un outlet? So che è un termine usatissimo, ma non tutti sanno esattamente cosa significa e cosa trovarci. Vediamolo insieme per capire come fare acquisti risparmiando.

Brevemente, per outlet si intende un negozio, o anche una catena di negozi, che vendono merce (di qualunque genere) a prezzi nettamente inferiori al mercato.

Il termine è molto conosciuto e spesso anche utilizzato a sproposito.

In genere siamo più abituati a sentir parlare di outlet di abbigliamento di capi firmati (Armani, Krizia, Valentino, Dolce & Gabbana, per citarne alcuni).

Cos’è un outlet

È un negozio particolare, per questo, per fare acquisti devi tenerlo presente.

Esistono outlet di abbigliamento, di scarpe, di elettrodomestici, di dolciumi e non solo.

Cosa vuol dire un negozio outlet

Significa che vende a prezzi molto ridotti rispetto ad un negozio e più avanti ti spiego per quale motivo riesce a farlo.

Perché si chiama outlet?

In inglese outlet significa “sbocco” che è proprio ciò che un negozio simile rappresenta e se continui a leggere lo capirai.

Cos'è un outlet e come funziona

Differenza tra un outlet e un negozio

Ti spiego brevemente come funziona un negozio classico. Di solito il proprietario, magari insieme a qualcuno del personale, fa gli ordini prima che la nuova stagione abbia inizio.

Sceglie quali capi ha intenzione di vendere e li “prenota” direttamente dalle aziende, oppure li acquista dai grossisti, ma PRIMA o al limite durante (se deve riassortire) la stagione corrente.

Quindi sono capi di stagione.

Un outlet, invece, acquista merce da altri negozi, da aziende, grossisti e non solo DOPO la stagione.

Da qui il significato di “sbocco” che ti dicevo. I capi delle stagioni passate rimarrebbero invenduti. Finirebbero per creare un magazzino di merce invenduta dal negozio, o persino dall’azienda, che a lungo andare deperisce senza avere il valore di prima.

Gli outlet, e gli stockisti, si inseriscono a questo punto. Un negozio, per non fare magazzino e realizzare denaro dalla merce che ha ferma, la vende a stockisti che a loro volta la vendono agli outlet.

In questo modo capi, scarpe, eccetera, di passate stagioni, vengono rimesse in vendita.

L’outlet, quando li acquista, li paga meno, perché sono di passate stagioni, oppure surplus di produzione, o persino primetta (capi che hanno piccoli difetti, ma che non possono essere venduti a prezzo pieno) e li propone scontati.

Il vantaggio degli outlet

Per l’utente finale indubbiamente il prezzo. Chi ama vestire firmato negli outlet trova capi della stagione precedente a prezzi molto scontati.

Può quindi permettersi di più, comprare risparmiando, e fare dei veri affari.

Cos'è un outlet e come funziona

Lo svantaggio dell’outlet

Come ti dicevo i negozi classici fanno un ordine e quindi acquistano tutte le taglie. Solo nei saldi, che sono a fine stagione, puoi faticare a trovare la tua taglia in negozio (perché potrebbe già averla venduta durante la stagione).

.

L’outlet, invece, acquista le rimanenze, quindi di sicuro, anche quando ci sono i nuovi arrivi, non avrà tutte le taglie di un certo abito o paio di pantaloni. Ha acquistato le rimanenze e di solito sono tutte spaiate: un pezzo di quello, uno di quell’altro.

In un outlet devi girare tra gli stenditi per trovare ciò che è della tua taglia e quando lo trovi, se ti piace, fai un affare perché lo compri scontato.

Comprare capi di stagioni passate

Conviene? Assolutamente sì, anche se dipende.

Prima di tutto ci sono capi classici e firmati, che comunque non passano di moda. Un tailleur classico Armani, che sia del 2022 o dell’anno precedente è sempre un capo intramontabile, così pure una giacca, o un paio di jeans.

Certo, ci sono le mode, ma non credo che tu, come chiunque altro, alla fine di una stagione butti tutto se la moda è cambiata.

Il trucco è acquistare tutti quei capi che sono, appunto, intramontabili e non subiscono il passare del tempo andando fuori moda.

Poi in questi ultimi anni il vintage sta prendendo piede, quindi anche un capo di un anno fa, o di molti anni fa, ha il suo fascino.

Quanto si risparmia in un outlet?

Dipende dal tipo di outlet e da dove si trova. Alcune aziende che trovi nei grandi centri come Vicolungo o Fidenza Village, hanno il loro proprio outlet.

Puoi acquistare con sconti che vanno dal 20 al 50% tutto l’anno e ottenere uno sconto maggiore durante il periodo dei salti.

In outlet non monomarca, che trovi nelle città come Milano, Roma, e non solo, puoi trovare sconti fino al 90%. La scontistica dipende da quanto realmente l’outlet ha pagato per acquistare i capi.

Più sono riusciti a spuntare un buon prezzo nell’acquisto della merce, meno pagherai.

Questo da cosa dipende?

Dal quantitativo, molto spesso. Di solito gli stock hanno costi variabili. Uno stock grandissimo, che quindi comporta un investimento molto grande, ha prezzi (per singolo articolo) inferiori.

Uno stock piccolo, che comporta un investimento contenuto, è meno conveniente. Dipende dalla capacità di investimento.

Ti faccio un esempio concreto. Un negozio di periferia comprerà venti maglie, in modo da soddisfare la sua clientela.

Una catena di negozi potrebbe acquistarne duemila.

Il produttore applicherà, in base all’acquisto una scala sconti (non sempre va così, ma spesso).

In conclusione, su cos’è un outlet

Un outlet è un punto vendita dove puoi vestirti risparmiando, a patto che tu tenga conto della possibilità di non trovare la tua taglia, ma la scelta spesso è così vasta che di sicuro qualcosa che ti piace lo trovi!

Consiglio utile

Se abiti in provincia di Milano puoi visitare l’Outlet dei Sogni, a Canegrate, dove troverai capi per uomo e donna, in molti casi anche asseriati (con tutte le taglie). Ora che sai meglio cos’è un outlet puoi fare acquisti!

Visita la pagina Facebook per saperne di più.

Mondodonne

cos’è un outlet

 

[Total: 2 Average: 5]

Lascia un commento

%d